Back to the top

FIGC

Le decisioni odierne: Monza, Reggina e Vicenza in B. Si giocano playoff e playout

 

Cambiano ancora le carte in tavola. Il Consiglio Federale FIGC tenutosi oggi ha nuovamente modificato le decisioni prese per la ripresa della stagione 2019/20, coinvolgendo, oltre a Serie A e B, anche il campionato di Serie C: promosse ufficialmente in B le prime dei tre gironi, Monza, Reggina e Vicenza, approvata la disputa di playoff e playout per stabilire gli ultimi verdetti.

Stagione regolare conclusa, dunque, per la terza lega professionistica italiana, con le capoliste dei tre gironi che beneficiano della promozione diretta in cadetteria, senza ultimare le restanti gare di campionato. Dal 1° Luglio, dopo aver disputato in gara secca la finale della Coppa Italia di categoria tra Ternana e Juventus U23 (in programma il prossimo 27 Giugno), potranno scendere in campo le pretendenti all’ultimo posto disponibile per la Serie B, con Carpi e Modena che rientrerebbero nel novero delle candidate. Il condizionale è d’obbligo, poiché è stata stabilita la possibilità di rinunciare ai playoff, senza incorrere in sanzioni, rimettendo dunque la scelta alle singole società.

In coda, ufficialmente retrocesse in D Gozzano, Rimini e Rieti, con i playout che determineranno le ulteriori retrocessioni.

 

Salvatore Fratello

Riprenderanno a Giugno i campionati professionistici italiani. Nella giornata odierna è arrivata l’attesa decisione del Consiglio Federale FIGC, relativa alla ripartenza del calcio italiano dopo l’emergenza dovuta al Covid-19: riprendono Serie A, B e C, chiusi i campionati dilettantistici.

Secondo il comunicato ufficiale della FIGC, le tre competizioni professionistiche potranno riprendere da Giugno, con data ultima di chiusura fissata al 20 Agosto. In caso di nuova emergenza, si disputeranno playoff e playout, mentre, con una definitiva interruzione, l’esito dei tornei sarà deciso da criteri oggettivi che tengano conto di organizzazione dei gironi e/o del numero di gare disputate da ciascun club. Sfumano, dunque, le speranze del Carpi che, in base a quanto deciso dall’Assemblea della Lega Pro, avrebbe beneficiato della promozione in B in caso di interruzione del torneo di Serie C; tornerà in campo anche il Modena.

Di seguito estratto del comunicato ufficiale FIGC, relativo alla ripartenza dei tornei:

“In ossequio al principio del merito sportivo quale caposaldo di ogni competizione agonistica, come previsto dal CIO e dal CONI, e in conformità alle disposizioni emanate dalla FIFA e dalla UEFA nelle scorse settimane, nonché a seguito della pubblicazione dell’art. 218 bis del cosiddetto ‘Decreto Rilancio’, la FIGC ha espresso la volontà di riavviare e completare le competizioni nazionali professionistiche fissando al 20 agosto la data ultima di chiusura delle competizioni di Serie A, B e C. Precedentemente al riavvio dell’attività agonistica sarà competenza del Consiglio Federale determinare i criteri di definizione delle competizioni laddove, in ragione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, le stesse dovessero essere nuovamente sospese, secondo i principi di seguito indicati: individuazione di un nuovo format (brevi fasi di playoff e playout al fine di individuare l’esito delle competizioni ivi incluse promozioni e retrocessioni; in caso di definitiva interruzione, definizione della classifica anche applicando oggettivi coefficienti correttivi che tengano conto della organizzazione in gironi e/o del diverso numero di gare disputate dai Club e che prevedano in ogni caso promozioni e retrocessioni. Infine, per effetto di quanto deliberato, la stagione sportiva 2020/2021 avrà inizio il prossimo 1 settembre. Per quanto concerne, invece, l’attività dilettantistica, ivi compresa quella femminile fino alla Serie B, valutate le condizioni generali e l’eccezionale situazione determinatasi a causa dell’emergenza Covid-19, il Consiglio ha deliberato di interrompere definitivamente tutte le competizioni, rinviando ad altra delibera i provvedimenti sugli esiti delle stesse competizioni. Resta fissato al 30 giugno il termine per la conclusione dell’attuale stagione sportiva. Per quanto riguarda la Serie A femminile, è stato deciso di verificare nei prossimi giorni le condizioni di ripresa, in base all’applicabilità dei protocolli sanitari da parte dei Club e alla disponibilità di contributi da parte della FIGC”.

(fonte foto: figc.it)

Salvatore Fratello