Back to the top

Radiamo Sport Club

Le decisioni odierne: Monza, Reggina e Vicenza in B. Si giocano playoff e playout

 

Cambiano ancora le carte in tavola. Il Consiglio Federale FIGC tenutosi oggi ha nuovamente modificato le decisioni prese per la ripresa della stagione 2019/20, coinvolgendo, oltre a Serie A e B, anche il campionato di Serie C: promosse ufficialmente in B le prime dei tre gironi, Monza, Reggina e Vicenza, approvata la disputa di playoff e playout per stabilire gli ultimi verdetti.

Stagione regolare conclusa, dunque, per la terza lega professionistica italiana, con le capoliste dei tre gironi che beneficiano della promozione diretta in cadetteria, senza ultimare le restanti gare di campionato. Dal 1° Luglio, dopo aver disputato in gara secca la finale della Coppa Italia di categoria tra Ternana e Juventus U23 (in programma il prossimo 27 Giugno), potranno scendere in campo le pretendenti all’ultimo posto disponibile per la Serie B, con Carpi e Modena che rientrerebbero nel novero delle candidate. Il condizionale è d’obbligo, poiché è stata stabilita la possibilità di rinunciare ai playoff, senza incorrere in sanzioni, rimettendo dunque la scelta alle singole società.

In coda, ufficialmente retrocesse in D Gozzano, Rimini e Rieti, con i playout che determineranno le ulteriori retrocessioni.

 

Salvatore Fratello

Mister Mignani resta alla guida del Modena. Nella giornata odierna è arrivata l’attesa conferma ufficiale per il tecnico genovese, il cui contratto, precedentemente in scadenza al 30 giugno prossimo, verrà dunque prolungato; conferma anche per il vice Vergassola.

Di seguito il testo integrale del comunicato apparso sul sito ufficiale del club gialloblù:

“Il Modena F.C. comunica di aver prolungato l’accordo in scadenza il 30 giugno 2020 con il tecnico Michele Mignani. E’ stato confermato anche il suo vice Simone Vergassola. Domani 22 maggio alle 14.30 l’allenatore gialloblù, insieme al direttore generale Roberto Cesati e al vice Simone Vergassola, sarà a disposizione dei media in una conferenza stampa virtuale riservata ai media”.

(fonte foto: gianlucadimarzio.com)

Salvatore Fratello

Riprenderanno a Giugno i campionati professionistici italiani. Nella giornata odierna è arrivata l’attesa decisione del Consiglio Federale FIGC, relativa alla ripartenza del calcio italiano dopo l’emergenza dovuta al Covid-19: riprendono Serie A, B e C, chiusi i campionati dilettantistici.

Secondo il comunicato ufficiale della FIGC, le tre competizioni professionistiche potranno riprendere da Giugno, con data ultima di chiusura fissata al 20 Agosto. In caso di nuova emergenza, si disputeranno playoff e playout, mentre, con una definitiva interruzione, l’esito dei tornei sarà deciso da criteri oggettivi che tengano conto di organizzazione dei gironi e/o del numero di gare disputate da ciascun club. Sfumano, dunque, le speranze del Carpi che, in base a quanto deciso dall’Assemblea della Lega Pro, avrebbe beneficiato della promozione in B in caso di interruzione del torneo di Serie C; tornerà in campo anche il Modena.

Di seguito estratto del comunicato ufficiale FIGC, relativo alla ripartenza dei tornei:

“In ossequio al principio del merito sportivo quale caposaldo di ogni competizione agonistica, come previsto dal CIO e dal CONI, e in conformità alle disposizioni emanate dalla FIFA e dalla UEFA nelle scorse settimane, nonché a seguito della pubblicazione dell’art. 218 bis del cosiddetto ‘Decreto Rilancio’, la FIGC ha espresso la volontà di riavviare e completare le competizioni nazionali professionistiche fissando al 20 agosto la data ultima di chiusura delle competizioni di Serie A, B e C. Precedentemente al riavvio dell’attività agonistica sarà competenza del Consiglio Federale determinare i criteri di definizione delle competizioni laddove, in ragione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, le stesse dovessero essere nuovamente sospese, secondo i principi di seguito indicati: individuazione di un nuovo format (brevi fasi di playoff e playout al fine di individuare l’esito delle competizioni ivi incluse promozioni e retrocessioni; in caso di definitiva interruzione, definizione della classifica anche applicando oggettivi coefficienti correttivi che tengano conto della organizzazione in gironi e/o del diverso numero di gare disputate dai Club e che prevedano in ogni caso promozioni e retrocessioni. Infine, per effetto di quanto deliberato, la stagione sportiva 2020/2021 avrà inizio il prossimo 1 settembre. Per quanto concerne, invece, l’attività dilettantistica, ivi compresa quella femminile fino alla Serie B, valutate le condizioni generali e l’eccezionale situazione determinatasi a causa dell’emergenza Covid-19, il Consiglio ha deliberato di interrompere definitivamente tutte le competizioni, rinviando ad altra delibera i provvedimenti sugli esiti delle stesse competizioni. Resta fissato al 30 giugno il termine per la conclusione dell’attuale stagione sportiva. Per quanto riguarda la Serie A femminile, è stato deciso di verificare nei prossimi giorni le condizioni di ripresa, in base all’applicabilità dei protocolli sanitari da parte dei Club e alla disponibilità di contributi da parte della FIGC”.

(fonte foto: figc.it)

Salvatore Fratello

5444 mascherine gialloblù. Una bella iniziativa da parte del Modena Football Club che, in un periodo difficile come quello attuale, ha deciso di fare un regalo “speciale” ai propri abbonati, inviando a ciascuno una mascherina personalizzata, con colori e stemma del club, oltre al logo del main sponsor Giacobazzi, co-promotore del progetto.

Di seguito il testo integrale del comunicato apparso sui canali ufficiali del Modena F.C.:

L’unione fa sempre la forza. Soprattutto in una situazione emergenziale come quella attuale dove il Coronavirus ha cambiato le abitudini di tutti gli italiani.

Il Modena FC e il main sponsor Giacobazzi, storica azienda vinicola modenese, hanno deciso insieme di offrire a tutti coloro che hanno sottoscritto un abbonamento con il club, per la stagione 2019-20, la possibilità di ricevere a casa gratuitamente una mascherina come fattore di prevenzione al virus. La mascherina si ispira alla maglia della squadra, è dunque gialloblu con il logo del Modena in basso e la scritta Giacobazzi in alto. I tifosi saranno certamente felici di poter indossare questa mascherina, rispetto a un modello standard, ed esprimere così la propria passione e senso di appartenenza alla loro squadra di calcio. Le spedizioni delle mascherine inizieranno nei prossimi giorni e saranno consegnate direttamente a casa di ogni abbonato unitamente ad una lettera scritta dal presidente Romano Sghedoni: “I supporters – sottolinea Sghedoni– sono il grande patrimonio di una squadra di calcio, quest’anno 5444 modenesi hanno creduto nella nostra strategia sportiva e il regalo della mascherina è un modo per dire grazie a chi segue i canarini ovunque. Voglio esprimere la mia gratitudine alla nostra gente ringrazio il main sponsor Giacobazzi Vini per averci supportato in questa iniziativa”

Un progetto di solidarietà per tutti i tifosi della squadra di calcio della città, come tiene a sottolineare Alberto Giacobazzi, che insieme al fratello Giovanni è alla guida dell’azienda di famiglia: “Abbiamo accolto subito favorevolmente – dice Alberto–  l’idea di fare concretamente qualcosa per i tifosi del Modena. Siamo fra i primi sostenitori della squadra con il nostro impegno come sponsor, e in questo momento di difficoltà dobbiamo essere ancora più uniti, in considerazione del perdurare dell’emergenza e della scarsità di dispositivi presenti sul mercato”.

Ognuno dei 5444 abbonati riceverà direttamente la mascherina al proprio domicilio. Si ringrazia per la collaborazione l’azienda Maily che distribuirà  ogni singolo pezzo”.

(fonte foto: modenacalcio.com)

Salvatore Fratello

A margine dell’Assemblea dei club, in merito alle decisioni prese si è espresso Francesco Ghirelli, numero uno della Lega Pro. Di seguito il testo integrale del comunicato apparso sul sito di Lega:

“Oggi abbiamo compiuto e scritto una bellissima pagina di Lega Pro. Malgrado il Paese sia nel pieno della sofferenza e nonostante le difficoltà che ogni Club sta vivendo, ci siamo confrontati con grande responsabilità, mettendoci in ascolto e dimostrando rispetto per l’altro”. Queste le parole pronunciate da Francesco Ghirelli, numero uno della Lega Pro, al termine dell’Assemblea nella quale i Presidenti si sono pronunciati sulle proposte che saranno portate al Consiglio Federale, unico organo preposto alle decisioni riguardanti l’evoluzione dei campionati alla luce del Covid-19.

I presidenti si sono dimostrati compatti: si sono detti favorevoli allo stop del campionato, al blocco delle retrocessioni e dei ripescaggi, alle promozioni in Serie B delle prime 3 squadre, al merito sportivo come parametro per far salire la quarta squadra.

Le proposte riflettono pienamente la specificità della Serie C, con il suo impianto sociale unico ed originale, e la sua coerenza con le scelte fatte quel 21 febbraio, quando le partite furono interrotte, nel rispetto di quanti stavano soffrendo sotto i colpi del virus.

“Soffro per il mio Paese, mi dà dolore vedere ancora tanta sofferenza a causa di questo maledetto virus. Dopo questa giornata sono sollevato e sono felice che si sia fatta sintesi tra i legittimi punti di vista e le ragioni di tutti. La Lega Pro è formata da 60 realtà molto diverse tra loro, che oggi hanno dimostrato di avere un orizzonte comune e di essere mosse tutte da una autentica passione. Un sentimento profondo non solo per lo sport ma anche e soprattutto per quello che lo sport, e in particolare il calcio, può fare per il nostro territorio” dichiara Ghirelli. “La Federazione sta svolgendo un ottimo lavoro, e qualsiasi decisione prenderà, il senso di responsabilità e il rispetto per l’altro, soprattutto per le diversità, ci devono guidare”.

(fonte foto: Lega Pro)

 

Salvatore Fratello

 

Accordo raggiunto tra i club di Lega Pro. Nell’Assemblea tenuta oggi tra le sessanta società iscritte al terzo campionato nazionale, è prevalsa la linea che spinge alla conclusione anticipata della stagione 2019/20, con decisioni rilevanti anche per il meccanismo relativo a promozioni e retrocessioni.

Quasi unanime la scelta di concludere il torneo, con i club che hanno deciso di escludere una ripresa che potrebbe essere difficile da tutti i punti di vista, anche considerando i costi da sostenere. Capitolo promozioni: l’Assemblea ha votato a favore per la promozione diretta in B delle tre squadre prime nei rispettivi gironi, ovvero Monza, Vicenza e Reggina, tutte con un buon margine di vantaggio sulle inseguitrici. Più difficile è stata la decisione relativa al quarto club da promuovere, con una votazione che ha visto prevalere il criterio del “merito sportivo”, che premierebbe il Carpi, terzo nel girone B, con meno punti racimolati rispetto a Reggio Audace e Bari, ma con una maggiore media punti ponderata, considerando il numero inferiore di gare disputate. Sarebbero così evitati i playoff o il sorteggio per stabilire la quarta promossa. L’assemblea ha deciso anche il blocco delle retrocessioni e dei ripescaggi dalla Serie D, aprendo le porte della terza serie solo alle nove prime classificate dei gironi del massimo campionato dilettantistico.

Ora la palla passa al Consiglio Federale della FIGC, a cui spetterà l’ultima parola in merito.

(fonte foto: corrieredellosport.it)

 

Salvatore Fratello